Assistenza

A1 – Storia

Lo Studio ha mosso i suoi “primi passi” nel 1967, per iniziativa degli ingegneri Vitantonio e Amedeo Vitone, entrambi docenti della Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi (oggi Politecnico) di Bari.

Già nei primi anni di attività lo “Studio Associato Ingg. A. e V. Vitone” si è occupato della progettazione e della direzione lavori di importanti opere di ingegneria civile, soprattutto in qualità di studio di consulenza specializzato nel campo delle strutture. Tra i primi lavori vanno ricordati: lo svincolo del Vomero della Tangenziale di Napoli (1970/73); la superstrada Bradanica (1972); il porto turistico e peschereccio di Campomarino di Maruggio (TA) (1974/77); i collettori alluvionali della città di Trani (1975); il viadotto sulla ferrovia nell’abitato di Francavilla Fontana (1975); le opere in c.a. della “risalita Sinni” e della diga sul Sinni (1976/78).

Lo Studio si è avvalso, sin dai suoi inizi, della collaborazione di giovani laureati della Facoltà di Ingegneria (che, in prevalenza, avevano svolto la tesi di laurea con i titolari), selezionati tra quelli più preparati e professionalmente motivati. I giovani “ausiliari” si sono via via inseriti efficacemente nei gruppi di lavoro, apportando all’attività dello Studio un contributo di entusiasmo e di energie sempre nuove. Nel contempo, sotto la guida dei più “anziani”, hanno posto le basi per la loro maturazione professionale. Molti di questi giovani ingegneri hanno poi proseguito con successo, in autonomia, la loro attività, in alcuni casi diventando funzionari o manager di importanti organismi tecnici pubblici o privati. Tutti hanno, comunque, mantenuto profondi rapporti di stima e di amicizia con i loro “maestri”, e molti, tra quelli che esercitano attività professionale autonoma, collaborano tuttora allo svolgimento degli incarichi più impegnativi dello Studio.

Avvalendosi, in alcuni casi, anche del contributo di tecnici specialisti esterni – che hanno tuttavia sempre operato sotto la direzione ed il coordinamento dei titolari -, tra la fine degli anni ’70 e la fine degli anni ’80 lo Studio ha affrontato impegni professionali sempre più numerosi e complessi, in vari campi dell’ingegneria civile. Tra gli altri: le strutture di numerosi Dipartimenti del Campus universitario barese (1974/75); l’ampliamento del molo S. Cataldo del porto di Taranto (1979); le strutture dell’Ospedale Regionale “Di Summa” di Brindisi (1980/82); la ristrutturazione ed il consolidamento della Sede della Camera di Commercio di Bari (1981); il ponte-tubo strallato per l’attraversamento del fiume Cavone (1983); le strutture dell’hangar per gli aerei “Tornado” della Base militare di Gioia del Colle (1984/85); i collettori alluvionali della città di Trani (1975/86); gli interventi di sottofondazione e consolidamento delle spalle del ponte girevole di Taranto (1985/86); le strutture del nuovo Palazzo Comunale di Melfi (1986/88); rilevanti interventi di edilizia scolastica, abitativa e per uffici; numerose e importanti opere idrauliche dell’Acquedotto Pugliese.

Tra il 1987 ed il 1990 lo Studio ha lavorato alla realizzazione, nell’ambito degli interventi di “Italia ’90″, dello Stadio per il calcio e l’atletica leggera “San Nicola” di Bari, dell’architetto Renzo Piano, svolgendo la progettazione di tutte le strutture in c.a. e la Direzione Lavori dell’intera opera.

A tale periodo risale un’evoluzione dell’organizzazione dello Studio, attraverso l’estensione del rapporto associativo ad alcuni dei più validi collaboratori. Nel gennaio del 1990, infatti, l’originario “Studio associato Ingg. A. e V. Vitone” si trasforma nello Studio “VITONE & ASSOCIATI” (V&A): nel corso del tempo ne hanno fatto parte, oltre ai fondatori e agli attuali associati ingg. F. Bonaduce, L. Maggi e N. Cardascia, anche gli ingg. V. Giannuzzi e F. Palmisano. E’ attualmente in corso di associazione l’ing. L. Renna.

Fra i primissimi impegni professionali – tra il 1990 e il 1993 – il nuovo Studio, su incarico della Società Lingotto, ha diretto i lavori di costruzione del Centro Fiere del Lingotto di Torino, l’originaria prestigiosa fabbrica delle automobili Fiat. Nel corso dello stesso intervento, facente parte del generale “Progetto di riuso” dell’architetto Renzo Piano, V&A ha anche progettato le opere speciali di sottofondazione per la realizzazione, al di sotto dell’edificio esistente, della grande “Main Hall” del Centro Congressi.

Tra i numerosi lavori svolti da V&A alla fine degli anni ’90 si segnalano: la ristrutturazione dell’Archivio di Stato di Trani (1999); il recupero e la ristrutturazione dell’edificio scolastico “G. Garibaldi” di Bari (settembre 1998); la progettazione delle strutture del nuovo Centro Termale di S. Cesarea (LE) (1990), del Centro delle Poste di Potenza (1991), della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere (1992/93) dell’Università degli Studi di Bari, del nuovo Centro Internazionale Alti Studi Universitari di Laureto di Fasano (1996) (di cui sta attualmente curando la direzione lavori) e del Palazzo dei Congressi e della Cultura di San Benedetto del Tronto (1993); la consulenza per il progetto esecutivo della diga frangiflutti del porto di Molfetta (1992); la direzione dei lavori di realizzazione del Centro Ricerca Olivetti di Bitritto (1992/96).

Tra il 1995 ed il 1997, per incarico dello Studio RPBW di Parigi, dell’architetto Renzo Piano, V&A ha progettato tutte le opere strutturali (in c.a., in c.a.p., in legno lamellare ed in acciaio) dell’Auditorium di Roma, inaugurato, alla presenza del Capo dello Stato, nel dicembre 2002. V&A ha anche fornito, per la realizzazione dell’opera, una consulenza alla Direzione Artistica, svolta dall’arch. Piano su incarico del Comune di Roma.

Parallelamente agli incarichi di progettazione, direzione lavori e collaudi, lo Studio ha avviato e sviluppato un’importante attività di Management.

Tale attività si alimenta della cospicua esperienza professionale maturata nei diversi settori dell’ingegneria, compresi quelli impiantistici, e si avvale del supporto di consulenti legali specialisti in diritto amministrativo. Nel Management, che ormai rientra tra gli impegni professionali più rilevanti dello Studio, V&A fornisce consulenza ed assistenza al Committente nelle diverse fasi del processo costruttivo (studi di fattibilità e progettazione preliminare; verifica dei progetti sotto l’aspetto tecnico e contrattuale; capitolati tecnici ed amministrativi per l’appalto di nuove opere e la manutenzione di opere esistenti; gare per affidamento lavori; controllo tempi e costi di costruzione; collaudi e audit).

Uno dei primi e più significativi incarichi di Management svolti da V&A (nel 1992) ha riguardato la predisposizione dei capitolati tecnici e della documentazione contrattuale per l’affidamento dei lavori (dell’importo di ca. 250 miliardi di lire) relativi alla seconda fase degli interventi di riuso del Lingotto. Anche detto incarico è stato affidato a V&A dalla Soc. Fiat Lingotto di Torino.

Tra il 1995 e il 1997 V&A ha curato la stesura dei Capitolati speciali e delle Norme contrattuali per gli appalti effettuati dal Comune di Roma per la realizzazione dell’Auditorium.

Sempre nell’ambito dell’attività di Management, lo Studio ha anche effettuato per alcuni anni (1998/2001), su incarico della Società concessionaria INFOSTRADA, sistematici “audit” sugli appalti relativi ai siti tecnici in corso di realizzazione, su tutto il territorio nazionale, per la formazione della rete telefonica.

Nel corso di tanti anni di intensa attività di progettazione e di esperienze costruttive in cantiere, è maturato anche un profondo interesse verso le costruzioni esistenti. Ossia l’esigenza di verificare il comportamento reale non solo delle tradizionali strutture murarie, ma anche delle opere realizzate con tecniche che intanto volgevano verso la loro prima vecchiaia, come quelle in cemento armato: ciò al fine di trarre dall’esperienza di casi critici – e alla luce del severo collaudo del tempo – degli insegnamenti tecnici impossibili da acquisire nella corrente attività di progettazione e direzione lavori.

In questo senso gli incarichi professionali affidati allo Studio per la ricerca delle cause di eventi disastrosi, peraltro talvolta di straordinaria gravità e risonanza, hanno rappresentato un momento di fondamentale importanza nel percorso formativo professionale di tutti i componenti dello Studio Vitone & Associati.

A partire dai crolli di Roma (marzo 1999) e di Foggia (via Giotto, nov. 1999).

Lo Studio si è infatti attivato come struttura operativa dei proff. A. e V. Vitone in numerosi casi in cui è stato loro affidato dalla Magistratura l’incarico di Consulenza o di Perizia Tecnica: dalla Procura della Repubblica di Foggia, per il crollo dell’edificio di via Giotto, e, qualche anno dopo, per quello, sempre a Foggia, dell’edificio di via Frasche; dalla Procura della Repubblica di Napoli per il crollo dell’edificio di via Arenella (giu. 2001); dalla Procura della Repubblica di Larino per il tragico crollo della Scuola “F. Jovine” di San Giuliano di Puglia; dalla Procura della Repubblica di Brindisi, per il crollo della pensilina di copertura della tribuna dello stadio per il calcio di Sandonaci (BR); dal Tribunale di Salerno per il crollo parziale del ‘Palazzo Edilzia’, al centro della città; dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Lecce per il crollo parziale di alcuni edifici siti in piazza Dante di Castro Marina (Lecce), nel 31 gennaio 2009.

L’esperienza acquisita nel corso di così impegnative consulenze tecniche ha concorso a stimolare l’impegno verso la prevenzione del rischio strutturale, ed a far maturare conoscenze di fondamentale importanza in quella attività di recupero, ristrutturazione e restauro delle costruzioni esistenti, che  aveva visto impegnato lo Studio sin dai primi anni ’80.

Si ricordano le numerose costruzioni che sono state e sono tuttora oggetto di assessment, ad opera dello Studio (ponti, edifici pubblici e privati, scuole, ospedali, sedi di Facoltà universitarie), e relativamente alle quali è stato adottato un ‘protocollo’ di indagine ed avviato un programma di prevenzione attraverso l’adozione di uno strumento operativo ‘dinamico’, denominato ‘cartella del fabbricato’.

Si ricordano per tutti il restauro ed il recupero funzionale del Teatro Petruzzelli di Bari (in A.T.P. con altri Studi) e  la verifica delle strutture del Porto Industriale “Alti Fondali” di Manfredonia.

Intanto lo Studio ha continuato a svolgere la sua attività principale, rivolta alle nuove costruzioni.

Si ricorda la progettazione esecutiva delle strutture e la Direzione Operativa, sia delle strutture che dei completamenti edili, del nuovo Ospedale Generale “F. Miulli” di Acquaviva delle Fonti; la progettazione esecutiva delle strutture del Nuovo Dipartimento di Emergenza ed Accettazione (DEA), Piastra Chirurgica e Torri di Degenza del Policlinico “S. Matteo” di Pavia; la progettazione esecutiva del grande serbatoio idrico di Marzagaglia, dell’Acquedotto Pugliese.

Negli anni 2009-2010 lo Studio ha effettuato la progettazione integrale (architettonica, strutturale ed impiantistica), il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e la direzione operativa, dei lavori di costruzione della nuova Sede Compartimentale Anas di L’Aquila.

Recentemente (2012-2013) lo Studio ha ultimato le direzioni lavori di due importanti Centri Commerciali: il  nuovo punto vendita IKEA di San Giovanni Teatino (CH) e l’Ampliamento della Galleria Commerciale del Centro Auchan di Casamassima (BA)

Lo Studio Vitone & Associati è impegnato ormai da diversi anni in una intensa attività di iniziative culturali.

La finalità è, da un lato, la verifica e l’aggiornamento della formazione dei propri componenti, e, dall’altro lato, la divulgazione negli ambienti tecnico-scientifici, non solo nazionali, di proprie esperienze di lavoro che hanno richiesto soluzioni originali o verifiche ‘sul campo’ di aspetti teorici dell’ingegneria soprattutto strutturale.

Ha infatti promosso vari corsi di insegnamento presso le Facoltà di ingegneria e di architettura del Politecnico di Bari; master presso il  Politecnico di Bari e presso altri Enti; ha curato il coordinamento scientifico di corsi di formazione, di seminari, di corsi di aggiornamento organizzati da Ordini e Associazioni professionali, da Istituzioni pubbliche e private; ha presentato relazioni in convegni, conferenze, lectures, workshop, tavole rotonde, mostre, su invito di varie Università italiane, di Ordini ed Associazioni professionali, di Istituzioni culturali, di importanti Ditte ed Industrie private di livello nazionale.

Alcuni associati, e in particolare il prof. A. Vitone, sono autori di numerose memorie, presentate a Convegni anche internazionali e pubblicate su riviste scientifiche anche internazionali; autori di capitoli di libri; curatori di libri; responsabili di settori di importanti progetti di ricerca, anche in ambito internazionale.